WannaCry, ieri Petya, oggi Nyetya. Quale virus ci attaccherà domani?

Sì perché l’evoluzione continua: se fino a qualche mese fa i ransomware sfruttavano principalmente errori dell’utente per infettare e cifrare i dati, ora sferrano attacchi automatizzati direttamente sui server, portando l’infezione a livelli molto più ampi.

Schermata 2017-06-29 alle 14.18.51Se questo non bastasse, ricerche del team di analisti ESET indicano che l’Italia si è classificata seconda tra i paesi più colpiti dal ransomware Petya, che sfrutta la stessa vulnerabilità abusata da WannaCry, sistemata da Microsoft lo scorso marzo.

Non serve fare scongiuri, o peggio pensare “tanto a noi non succederà”.

Serve invece avere un approccio consapevole dei rischi che si corrono se non si protegge la propria rete, la propria infrastruttura, i propri dati.

29 giugno 2017, l’evoluzione porta a Nyetya: l’attacco, che gli analisti Cisco ritengono sia iniziato in Ucraina, ha colpito varie aziende, agenzie governative e strutture critiche per gli stati attaccati, non ultima la centrale nucleare di Chernobyl. I dati pubblicati dai ricercatori segnalano inoltre attacchi importanti in Francia, Danimarca, Spagna, Regno Unito, Russia e Stati Uniti.

Cosa fare subito? Il problema contingente trova risposta in quanto abbiamo scritto il mese scorso.

Ma questo non è sufficiente: bisogna dotarsi di un piano di Business Resiliency e di politiche di sicurezza moderne.

Oltre a questo possiamo effettuare un Security Assessment, che individua i punti più critici e consente di strutturare un percorso efficace di adeguamento delle procedure aziendali per aumentare la sicurezza globale dell’infrastruttura, riducendo i rischi per il business e diminuendo l’area di esposizione.

Mettiamo a tua disposizione un Servizio di Ethical Hacking – Penetration Test, che permette di portare la sicurezza informatica a un livello più alto tentando di violarla come farebbe un hacker.

Qui trovi tutti i dettagli dei nostri servizi 

Siamo a tua disposizione: commerciale@adcsrl.it o chiamaci: 059 7470500